I bambini nascono per essere felici (i diritti li fanno diventare grandi)

fatatGli Stati devono rispettare nel loro territorio i diritti di tutti i bambini, senza distinzione di colore, di sesso, di lingua, di religione, della loro origine nazionale, etnica o sociale, della loro situazione finanziaria, della loro incapacità, della loro nascita.

Le bambine e i bambini hanno diritto di andare in qualsiasi Stato per unirsi ai genitori. Se i genitori abitano in Stati diversi, hanno diritto a rimanere in contatto con loro.

Gli stati devono proteggere le bambine e i bambini da ogni forma di violenza e sfruttamento. (Art. 2, 10, 19 e 36 della Convenzione sui Diritti dell’infanzia).

Un uccellino ha portato un messaggio scritto da un uomo con molto coraggio.

Diceva lieto: “ho trovato lavoro!”

Come se avesse scovato l’oro.

“Eccovi i soldi per il biglietto, venite presto, sono qui che vi aspetto”.

La mamma abbraccia con esultanza i suoi bambini e con speranza

si mette in viaggio e va sempre avanti

fra le pretese dei trafficanti

poi finalmente mamma e bambini, giungono esausti fino ai confini

di quella nuova patria del padre, vogliono allora fermarli le squadre

che stanno a guardia delle frontiere,

ma per fortuna non hanno il potere

di separare con i confini

i genitori dai loro bambini.

fata

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>